Novembre 12, 2020

IATBP sta trasformando il powerlifting e il bodybuilding per i sollevatori trans e non binari

By Mario Rossi

Powerlifter e bodybuilder – atleti di tutti gli sport di forza, in realtà – hanno lottato con la mancanza di concorrenza e il cameratismo di persona durante la pandemia di Coronavirus. Quella perdita è stata dura per la salute mentale di molte persone. In qualità di atleti di forza, pianifichiamo i nostri obiettivi e sogni in base ai cicli di maggiore gioia, eccitazione e comunità che derivano dagli incontri.

Ma durante ogni anno, non solo la distopia che è stata il 2020, trans e powerlifter e bodybuilder non binari di solito non hanno competizioni a cui guardare. L ‘ International Association of Trans Bodybuilders and Powerlifters (IATBP) sta cercando di cambiare la situazione .

Nota dell’editore: Questo articolo è un editoriale. Le opinioni espresse nel presente documento e nel video sono dell’autore e non riflettono necessariamente le opinioni di BarBend. Affermazioni, affermazioni, opinioni e citazioni sono state fornite esclusivamente dall’autore.

“La prima storica competizione Trans Bodybuilding si è tenuta nel 2014 alla conferenza che allora si chiamava FTM FitCon”, dice Bucky Motter, direttore esecutivo di IATBP e veterano dei Gay Games. Dice a BarBend:

Questo evento è stato il primo del suo genere in tutto il mondo.

Man mano che è diventato più inclusivo di varie identità trans, l’evento è diventato gradualmente TransFitCon, poi l’Associazione Internazionale di Trans Bodybuilding nel 2018. L’organizzazione ha aggiunto la “P” per il powerlifting entro l’anno successivo.

Curiosità: il 2018 è stato l’anno in cui sono andato ad Atlanta per partecipare all’incontro di powerlifting IATBP. Mi ero rassegnato da tempo all’idea che non sarei mai stato in grado di competere – come fa un ragazzo trans non binario come me a competere quando tutto ciò che riguarda lo sport è diviso in modo così aggressivo in categorie per uomini cis e donne cis? Quando ho trovato IATB, ho trovato un pezzo di casa.

Secondo Motter, questo è esattamente ciò che IATBP vuole fare per gli atleti trans e non binari:

“Ogni anno mettiamo su un evento di livello mondiale in cui nessuno deve competere “furtivamente” (mantenendo la propria identità trans privata) come fanno alcuni in altre organizzazioni. Nessuno viene allontanato a causa del loro stato di terapia ormonale sostitutiva (TOS). Nessuno viene allontanato dalla nostra gara di bodybuilding se non ha subito un intervento chirurgico al torace. Abbiamo anche un’infrastruttura configurata in modo che chiunque desideri organizzare una competizione e incontrarsi possa farlo con il nostro supporto. ”

Durante il 2020, quell’infrastruttura di persona è diminuita a parte per quasi tutte le federazioni o organizzazioni di sollevamento, ma ciò non significa che IATBP non stia ancora lavorando per formare una comunità di atleti trans e non binari. Al posto del loro incontro annuale di powerlifting e bodybuilding, l’unica associazione transgender del suo genere negli Stati Uniti ospiterà una conferenza virtuale il 3 ottobre.

Quella conferenza – “Voices in Trans Bodybuilding and Powerlifting” – è gratuita per tutti i partecipanti e promette di portare un senso di comunità agli atleti che troppo spesso non è consentito partecipare a eventi ufficialmente sanzionati. Questo evento aiuterà a tenere unita la comunità di sollevamento pesi trans e non binaria, anche mentre la pandemia tiene le persone fisicamente separate.

Sfidante Norme cisgender negli sport di forza

Per prima cosa, se sei nuovo nel gergo: le persone trans non si identificano con il sesso loro assegnato alla nascita. Ad esempio, alle donne trans è stato assegnato un maschio alla nascita, ma sono donne.

Le persone cisgender si identificano con il sesso loro assegnato alla nascita (quindi, il medico potrebbe aver detto “è una femmina” e tu attraversi la vita come, “sì, sono una ragazza!”). Le persone non binarie non si identificano necessariamente con nessuno dei due sessi binari (uomo o donna).

Deadlift

Perché tutto questo è importante negli sport di forza?

Pensa all’ultimo incontro a cui sei andato: diverse classi di peso e diverse categorie di sesso determinano chi vince, chi va bene o no e … chi è autorizzato a competere .

Nel 2019, USA Powerlifting (USAPL) ha vietato agli atleti transgender di competere nei loro incontri e solo una piccola manciata di federazioni di sollevamento negli Stati Uniti consente agli atleti trans di competere. L’argomento per giustificare il divieto di atleti trans è spesso incentrato sulla “correttezza”, suscitando il timore che le donne trans in particolare dominino il sollevamento delle donne – affermando che le donne trans sono “davvero uomini”. E questo … è semplicemente falso .

Le donne trans sono donne . Non sono le donne il problema, sono gli standard che usiamo per separare e classificare i corpi . Le atlete trans non hanno vantaggi sleali nei confronti delle altre donne per cominciare – “l’ingiustizia” distrae solo dalla vera transfobia e misoginia al lavoro affermando che le persone assegnate come maschi alla nascita sono “naturalmente” atleti migliori delle persone assegnate come femmine alla nascita.

Per scomporlo in termini scolastici: se segui rigorosamente la logica, le persone che vogliono vietare alle donne trans di competere con altre donne stanno tecnicamente affermando che le donne cis sono ” più debole “degli uomini cis … È solo meno popolare dirlo in questo modo, quindi è invece inserito nelle tattiche di paura transfobiche.

Ogni individuo ha differenze corporee: peso, lunghezza degli arti, corporatura generale e sì, livelli ormonali. Per la maggior parte degli atleti, queste differenze sono bocconcini interessanti di cui parlare mentre si commentano gli incontri, non qualcosa per cui bandire un atleta. Ad esempio, i powerlifter con corporature più favorevoli alla panca non sono esclusi dai raduni di powerlifting per il fatto che è ingiusto per loro competere con atleti con le braccia più lunghe .

Per Un altro esempio più significativo, organizzazioni come la USAPL sembrano più attivamente interessate a vietare le donne trans rispetto agli uomini trans, con l’argomento che non è giusto per le donne cis competere con persone i cui corpi sono stati assegnati a uomini alla nascita. Molti ragazzi trans vogliono la possibilità di competere con altri uomini, ma la semplice prospettiva può essere terrificante.

“Anche se ho gareggiato prima della transizione, competere come maschio contro maschi cisgender era un mondo diverso, che richiedeva un nuovo livello di fiducia in me stesso “, afferma il bodybuilder Paulo Bautista, che è uno dei relatori all’evento virtuale di IATBP 2020.

” Il mio stile di vita del sollevamento è diventato più di un rituale quotidiano con nuove sfide. Ci sono voluti letteralmente 16 anni prima che mi sentissi finalmente sicuro di poter salire di nuovo sul palco. ”

Se la vera” correttezza “fosse davvero una preoccupazione, le federazioni sarebbero anche attivamente interessate a cercare di capire come livellare il campo di gioco per gli uomini trans, assicurandosi che le competizioni maschili siano accoglienti e non esclusive. “Potrebbe non essere giusto per gli uomini trans”, l’argomento andrebbe, “competere con gli uomini cis perché gli uomini cis hanno un” vantaggio biologico “dalla nascita”.

Ora, anche questo è un argomento terribile: sta dicendo che gli uomini cis sono “naturalmente” atleti migliori delle donne cis, e vogliamo davvero essere così sfacciatamente misogini? Non è mai così che va l’argomento, comunque, perché il dibattito è sempre sulla paura che le donne trans abbiano successo e le donne cis no – si tratta di preservare i privilegi cis e controllare i corpi e le identità delle persone , non preservare la vera correttezza per tutti gli atleti.

Barbell Drift Deadlift

Creare un mondo di sollevamento più inclusivo di genere

La vera correttezza per gli atleti trans implica semplicemente lasciare competiamo in categorie che corrispondono alle nostre identità . Il bodybuilding, dice Batista a BarBend, lo ha aiutato a sviluppare una relazione più sana con il suo corpo dopo aver sperimentato la bulimia e il disturbo da dismorfismo corporeo nei suoi primi 20 anni. Sollevare e competere aiuta la salute mentale di così tanti atleti, ovviamente – e le persone trans, non binarie e intersessuali meritano di accedere alle stesse affermazioni e competizioni che fanno i nostri coetanei cis .

Esistono diverse classi di peso per tenere conto delle differenze corporee delle persone: perché i livelli ormonali dovrebbero essere diversi, specialmente quando fa parte del trattamento medico di qualcuno come lo è per molte persone trans e non binarie?

Secondo il detentore del record powerlifter Janae Marie Kroc, la conferenza IATBP del 3 ottobre presenterà nuove idee su come centrare genuina equità nelle categorie di powerlifting e bodybuilding in un modo che cerca di essere inclusivo di tutti i sessi piuttosto che automaticamente rifiutando le persone trans.

“Non rivelerò tutto (dovrai sintonizzarti sulla conferenza per conoscere tutto ciò che stiamo cercando di fare)”, dice a BarBend, “ma essenzialmente speriamo di creare un ambiente competitivo per trans, non binari e g ender powerlifter e bodybuilder non conformi in cui tutti si sentono rappresentati e hanno un luogo per competere sicuro e accogliente . ”

Nat Veiga, presidente di IATBP sui social media, sta lavorando con Kroc e altri a IATBP per dare vita a questa visione . Veiga afferma che IATBP sta promuovendo le innovazioni degli atleti trans e non binari nel rimodellare la conversazione sulla “correttezza” nello sport essere inclusivi anziché automaticamente esclusivi : proteggere l ‘”equità” solo per alcuni, proiettando la transfobia su coloro che vengono esclusi.

“Noi come organizzazione stiamo facendo qualcosa in qualche modo senza precedenti nella creazione di divisioni per gli atleti che non sono solo inclusive e si affermano per tutti gli atleti indipendentemente dal sesso, ma anche eque e competitive. Penso che tutti nella comunità abbiano le proprie idee su come questo dovrebbe essere fatto, ma le teorie di tutti potrebbero non convalidare e affermare gli altri, o consentire una concorrenza veramente leale. Abbiamo un sondaggio in cui stiamo prendendo input dai concorrenti attuali, futuri e potenziali per informare non solo la nostra sessione ma anche come si spera che finiremo per rifare le divisioni nelle competizioni future. ”

Perché tutto questo è importante?

Indipendentemente dal tuo sesso, se sei un atleta, conosci quella sensazione di comunità quando entri in la palestra: quella sensazione di potenziamento e sicurezza quando sali sulla piattaforma. Certo, quest’anno ci sono meno incontri di persona a causa di problemi di sicurezza del COVID-19, ma lo IATBP intende offrire agli atleti proprio questo, indipendentemente da dove vivi o da cos’altro sta succedendo nel mondo. Kroc aggiunge:

“Sfortunatamente, essere un individuo transfemminile (mi identifico come trans, non binario e fluido di genere) ed esistere in una società patriarcale in cui ci viene insegnato che solo gli uomini sono forti e grandi e muscoloso non è “femminile” mi mette in contrasto con il mio sesso. Sono cresciuta sapendo molto poco delle altre donne trans e la manciata di cui ero consapevole sembrava non essere per niente come me. Non è stato fino a quando sono uscito e sono diventato amico intimo di altre atlete di forza ho finalmente capito che il desiderio di forza non ha nulla a che fare con il genere e ci sono un gran numero di donne che si sentono esattamente come me riguardo all’allenamento della forza. . ”

IATBP è un’organizzazione che promette di riunire molte persone di tutti i sessi che si sentono allo stesso modo riguardo all’allenamento della forza – e comunque gli sport di forza non dovrebbero creare quel tipo di comunità affermativa?

Da non perdere il lavoro di IATBP

” Al giorno d’oggi, essere non binario è una benedizione “, afferma Veiga in vista del 2020 di IATBP evento virtuale.

“Significa che mi sveglio ogni giorno sicuro al 100% di chi sono, perché non ho altra scelta. Significa che ogni giorno si tratta di imparare ad amare e rispettare me stesso, per poi migliorare nell’esprimerlo agli altri. Essere non binario non è l’unica cosa su di me o l’unica cosa che mi definisce, ma significa tutto per me. ”

Anche questo è carino esattamente come mi sento sia per il mio genere che per il sollevamento pesi: quando vieni coinvolto nelle offerte di IATBP potresti trovarti a sentirti allo stesso modo.